Le mie coltivazioni

ORTO 2013
Questa è la seconda estate in cui mi dedico al mio piccolo orto in giardino. L'anno scorso io e Matteo avevamo traslocato da poco, quindi, dato che avevamo tantissime cose di cui occuparci, le nostre coltivazioni a volte sono state un po' trascurate, anche se hanno comunque dato risultati molto soddisfacienti.
Quest'anno mi sono portata avanti con metodo e organizzazione (grazie anche all'aiuto della mia mamma che ha un super pollice verde) e ai primi di maggio ho piantato piantine di pomodori e peperoni verdi, peperoncini piccanti, sedano ed erbe aromatiche varie (timo, prezzemolo, basilico, salvia, prezzemolo, rosmarino).
Anche se ho un po' di giardino preferisco piantare quasi tutto nei vasi, un po' per tenere lontane le sgraditissime lumache (che divorano praticamente tutto ciò che riescono a raggiungere), un po' per evitare che i numerosi mici che si aggirano nella zona "concimino" abbondantemente quello che io pianto e un po' perchè non mi è chiarissimo se posso piantare direttamente nel terreno, dato che il mio giardino poggia su una soletta in cemento e sul capitolato d'acquisto c'era qualcosa in proposito e bla bla bla bla.... insomma, vado sul sicuro con i vasi!!!

Ecco una panoramica di quella che era la situazione a metà maggio...


Ed ecco invece la situazione all'ultima settimana di giugno: abbiamo già mangiato abbondante sedano e i primi pomodori... e il basilico era talmente rigoglioso che ho potuto tagliarlo e preparare una bella dose di ottimo pesto (e sta già ricrescendo!!)

 
 


FUNGHI
Piccola premessa indispensabile per capire le motivazioni che mi hanno spinto a cimentarmi in questa particolare coltivazione... io adoro i funghi!
Sono assolutamente tra i miei cibi preferiti, se fosse per me li mangerei tutti i giorni e l'unica cosa che mi frena è la consapevolezza che il mio fegato non ne sarebbe particolarmente felice.
Tuttavia, poichè non ho sufficiente dimestichezza per andare nei boschi alla ricerca di questa prelibatezza e purtroppo non si tratta di un alimento tra i più economici da acquistare, ho deciso di attrezzarmi diversamente e ho cominciato a coltivare i funghi in casa.
Ormai da tre anni, alla fine dell'estate, acquisto dei kit preconfezionati presso un azienda agricola micologica, che mi permettono di coltivare da me cardoncelli e pioppini.

La soddisfazione è davvero grande, poichè questo tipo di coltivazione richiede cure costanti ma davvero molto semplici: è sufficiente ricoprire i blocchi di substrato (che contengono le spore) con un po' di terra e spruzzare con acqua molto spesso ma moderatamente. A partire da settembre/ottobre i kit producono funghi per circa 6 mesi (con una piccola interruzione in corrispondenza del periodo più freddo) dopodichè il substrato si esaurisce e quindi il tutto può essere buttato.
Tra l'altro in giardino ho un piccolo capanno, dove la temperatura è sempre piuttosto tiepida e molto umida, e mi sono resa conto che è il posto perfetto per tenere i kit.
Ad ogni modo... questo è il risultato...


Una volta che i funghi hanno raggiunto le giuste dimensioni, vanno colti recidendoli alla base del gambo, con un coltellino molto affilato (è importante tagliare più in basso possibile, in modo da ricoprire il tutto con la terra e dar modo al substrato di produrre altri funghi).
I funghi vanno poi puliti con un panno appena inumiditi e con un'apposita spazzolina (è importante non lavarli, perchè tendono ad assorbire l'acqua come se fossero spugne) e possono essere cucinati subito oppure surgelati negli appositi sacchetti per il congelamento degli alimenti